GIULIA

Blog

Inicio | Blog

GIULIA

Blog

Inicio | Blog

GIULIA

Blog

Inicio | Blog

blog image

Quello che non sai sulla lingua italiana

June 28, 20234 min read

Quello che non sai sulla lingua italiana

Probabilmente, chiunque sia nato in Italia è convinto di parlare la lingua italiana in modo corretto:

ma, altrettanto probabilmente, non è proprio così.

Attenzione: non stiamo parlando solamente della grammatica, che in effetti a molti sembra

un’esimia sconosciuta, o degli errori di ortografia, di cui è possibile trovare traccia in moltissimi

testi, a cominciare da quelli brevi scambiati in qualche chat di messaggistica, fino alle tesi di

laurea. E che, in fondo, potrebbero essere evitati semplicemente facendo buon uso di un

dizionario.

Si tratta piuttosto della mancata conoscenza della complessità, e insieme della ricchezza, che

caratterizza la lingua italiana: che comprende più di 400.000 diverse parole. Possiamo fare

un’ipotesi: prendiamo un italiano dotato di un buon livello culturale, che sia abituato a scrivere e

magari a leggere qualcosa di più impegnativo del manuale di istruzioni dell'ultimo modello di

cellulare appena acquistato. Essendo ottimisti, a meno che non si tratti di qualcuno che con la

lingua italiana lavora (come un insegnante, oppure un giornalista o uno scrittore) arriverà a

utilizzare poco più di 40.000 parole diverse. Più o meno un decimo di quelle disponibili.

Se poi andiamo a scavare più a fondo nella realtà, considerando quello che può essere definito

“vocabolario base”, cioè quelle che sono le parole più utilizzate nel corso della quotidianità, non si

arriva che a 6.500 parole. Decisamente poche per l’italiano medio, il cui vanto è proprio quello di

conoscere la sua lingua.

La realtà dei fatti è che la lingua italiana è unica e particolare, non tanto per le regole che la

governano (e che ci sono e che vanno imparate per poterla padroneggiare al meglio), ma per una

ricchezza e un insieme di caratteristiche che la rendono unica. 

Perché conoscere la lingua italiana vuol dire conoscere le diverse possibilità di esprimersi che

questa offre: considerando il numero di vocaboli e soprattutto di sinonimi, cioè quelle parole che

hanno un significato uguale oppure simile, diventa possibile scrivere e parlare in modo da non

risultare né noiosi né ripetitivi, pur trattando lo stesso argomento. Aprire un dizionario dei sinonimi

e contrari può regalare sorprese davvero interessanti: basta pensare a quanti sono i sinonimi di un

verbo semplice, quanto diffuso, come “fare”.

E quanto alla musicalità, c’è più di un motivo per cui l’italiano è la lingua della poesia, dell’arte e del

bel canto, sia più antico che moderno: impararlo e conoscerlo è il modo migliore per conoscere

anche alcune delle più grandi espressioni artistiche, in ogni campo, a livello mondiale.

Ma l’italiano è anche una lingua dalla storia particolare e molto interessante: ci sono infatti alcune

particolarità assolutamente curiose che la caratterizzano. E che spesso mostrano come la realtà

sia diversa dai luoghi comuni, anche quelli più diffusi.

Si può cominciare dall’origine della lingua italiana: la maggior parte delle persone pensa infatti che

la lingua attualmente parlata trovi le sue radici nel latino. Fatto in parte vero: però si tratta di un

latino ben diverso da quello imparato sui libri del liceo, quanto piuttosto di un latino “volgare”. Cioè

la lingua che era parlata dal popolo, in particolare quello delle province romane, latino che era, in

un certo senso, contaminato anche dalle lingue che parlavano le popolazioni locali. Di certo non la

lingua aulica utilizzata dai poeti, dai giuristi e dagli storici.

Quello che colpisce della lingua italiana è anche il fatto che comprenda un numero molto elevato di

dialetti: cioè di diversi sistemi linguistici, ognuno con caratteristiche proprie, che sono “confinati” in

una determinata zona geografica. I dialetti sono talmente tanti che persino un’autorità culturale

come l'Enciclopedia Treccani si arrende davanti all’impresa impossibile di catalogarli tutti. 

Inoltre la lingua, con le sue regole ed eccezioni, che viene insegnata a scuola può essere definita

“italiano standard”: ma l’evoluzione della società e l’influenza della globalizzazione si vedono

anche nella lingua parlata. Si può parlare di una sorta di italiano “neo-standard”, che presenta delle

semplificazioni e delle divergenze anche rilevanti rispetto alla struttura classica della lingua.

Quindi l’italiano è una lingua che riunisce in sé caratteristiche molto diverse: la complessità delle

regole della grammatica che si scontra, virtualmente, con una lingua parlata in continua evoluzione

e molto diversa da quella diffusa solo venti o dieci anni fa. E una lingua ricca di vocaboli, con

sfumature minime, ma importanti, di significato tra termini che a un primo impatto possono

sembrare assolutamente equivalenti.

Questo però non significa che l’italiano sia una lingua particolarmente complessa da imparare per

uno straniero: la musicalità e la pronuncia chiara delle diverse lettere aiutano a comprendere in

modo chiaro i suoni. E a livello di regole grammaticali, per quanto siano diverse, è anche vero che

riuscire a comprendere quelle principali, come il fatto che i sostantivi possano essere sia maschili

che femminili e che gli aggettivi vadano concordati con il genere, permette di comprendere i testi e

padroneggiare la lingua.

DESCARGA EL ARTÍCULO PINCHANDO AQUÍ

Back to Blog
blog image

Quello che non sai sulla lingua italiana

June 28, 20234 min read

Quello che non sai sulla lingua italiana

Probabilmente, chiunque sia nato in Italia è convinto di parlare la lingua italiana in modo corretto:

ma, altrettanto probabilmente, non è proprio così.

Attenzione: non stiamo parlando solamente della grammatica, che in effetti a molti sembra

un’esimia sconosciuta, o degli errori di ortografia, di cui è possibile trovare traccia in moltissimi

testi, a cominciare da quelli brevi scambiati in qualche chat di messaggistica, fino alle tesi di

laurea. E che, in fondo, potrebbero essere evitati semplicemente facendo buon uso di un

dizionario.

Si tratta piuttosto della mancata conoscenza della complessità, e insieme della ricchezza, che

caratterizza la lingua italiana: che comprende più di 400.000 diverse parole. Possiamo fare

un’ipotesi: prendiamo un italiano dotato di un buon livello culturale, che sia abituato a scrivere e

magari a leggere qualcosa di più impegnativo del manuale di istruzioni dell'ultimo modello di

cellulare appena acquistato. Essendo ottimisti, a meno che non si tratti di qualcuno che con la

lingua italiana lavora (come un insegnante, oppure un giornalista o uno scrittore) arriverà a

utilizzare poco più di 40.000 parole diverse. Più o meno un decimo di quelle disponibili.

Se poi andiamo a scavare più a fondo nella realtà, considerando quello che può essere definito

“vocabolario base”, cioè quelle che sono le parole più utilizzate nel corso della quotidianità, non si

arriva che a 6.500 parole. Decisamente poche per l’italiano medio, il cui vanto è proprio quello di

conoscere la sua lingua.

La realtà dei fatti è che la lingua italiana è unica e particolare, non tanto per le regole che la

governano (e che ci sono e che vanno imparate per poterla padroneggiare al meglio), ma per una

ricchezza e un insieme di caratteristiche che la rendono unica. 

Perché conoscere la lingua italiana vuol dire conoscere le diverse possibilità di esprimersi che

questa offre: considerando il numero di vocaboli e soprattutto di sinonimi, cioè quelle parole che

hanno un significato uguale oppure simile, diventa possibile scrivere e parlare in modo da non

risultare né noiosi né ripetitivi, pur trattando lo stesso argomento. Aprire un dizionario dei sinonimi

e contrari può regalare sorprese davvero interessanti: basta pensare a quanti sono i sinonimi di un

verbo semplice, quanto diffuso, come “fare”.

E quanto alla musicalità, c’è più di un motivo per cui l’italiano è la lingua della poesia, dell’arte e del

bel canto, sia più antico che moderno: impararlo e conoscerlo è il modo migliore per conoscere

anche alcune delle più grandi espressioni artistiche, in ogni campo, a livello mondiale.

Ma l’italiano è anche una lingua dalla storia particolare e molto interessante: ci sono infatti alcune

particolarità assolutamente curiose che la caratterizzano. E che spesso mostrano come la realtà

sia diversa dai luoghi comuni, anche quelli più diffusi.

Si può cominciare dall’origine della lingua italiana: la maggior parte delle persone pensa infatti che

la lingua attualmente parlata trovi le sue radici nel latino. Fatto in parte vero: però si tratta di un

latino ben diverso da quello imparato sui libri del liceo, quanto piuttosto di un latino “volgare”. Cioè

la lingua che era parlata dal popolo, in particolare quello delle province romane, latino che era, in

un certo senso, contaminato anche dalle lingue che parlavano le popolazioni locali. Di certo non la

lingua aulica utilizzata dai poeti, dai giuristi e dagli storici.

Quello che colpisce della lingua italiana è anche il fatto che comprenda un numero molto elevato di

dialetti: cioè di diversi sistemi linguistici, ognuno con caratteristiche proprie, che sono “confinati” in

una determinata zona geografica. I dialetti sono talmente tanti che persino un’autorità culturale

come l'Enciclopedia Treccani si arrende davanti all’impresa impossibile di catalogarli tutti. 

Inoltre la lingua, con le sue regole ed eccezioni, che viene insegnata a scuola può essere definita

“italiano standard”: ma l’evoluzione della società e l’influenza della globalizzazione si vedono

anche nella lingua parlata. Si può parlare di una sorta di italiano “neo-standard”, che presenta delle

semplificazioni e delle divergenze anche rilevanti rispetto alla struttura classica della lingua.

Quindi l’italiano è una lingua che riunisce in sé caratteristiche molto diverse: la complessità delle

regole della grammatica che si scontra, virtualmente, con una lingua parlata in continua evoluzione

e molto diversa da quella diffusa solo venti o dieci anni fa. E una lingua ricca di vocaboli, con

sfumature minime, ma importanti, di significato tra termini che a un primo impatto possono

sembrare assolutamente equivalenti.

Questo però non significa che l’italiano sia una lingua particolarmente complessa da imparare per

uno straniero: la musicalità e la pronuncia chiara delle diverse lettere aiutano a comprendere in

modo chiaro i suoni. E a livello di regole grammaticali, per quanto siano diverse, è anche vero che

riuscire a comprendere quelle principali, come il fatto che i sostantivi possano essere sia maschili

che femminili e che gli aggettivi vadano concordati con il genere, permette di comprendere i testi e

padroneggiare la lingua.

DESCARGA EL ARTÍCULO PINCHANDO AQUÍ

Back to Blog

No Compromise, Just Maximize.

Because It’s Time To Seek Financial Advice From Experts

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue elementum porttitor. Etiam vel facilisis nibh. Pellentesque lorem dui, sodales quis eros eu, pharetra auctor felis. Sed ac vehicula eros, ut euismod lacus. Phasellus gravida leo at nunc elementum posuere.

No Compromise, Just Maximize

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur

Aliquam Venenatis, Sapien

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

Aliquam Venenatis, Sapien

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

Aliquam Venenatis, Sapien

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

Aliquam Venenatis, Sapien

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

Aliquam Venenatis, Sapien

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

Aliquam Venenatis, Sapien

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

Because It’s Time To Seek Financial Advice From Experts

We Are Here To Help You Get Your Financial Share Of The Pie

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue elementum porttitor. Etiam vel facilisis nibh. Pellentesque lorem dui, sodales quis eros eu, pharetra auctor felis. Sed ac vehicula eros, ut euismod lacus. Phasellus gravida leo at nunc elementum posuere. Phasellus et ligula non lectus vulputate iaculis. Aenean et facilisis metus. Etiam luctus sed neque quis rhoncus.

01

Aliquam Venen

Lorem ipsum dolor sit amet,

consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

02

Aliquam Venen

Lorem ipsum dolor sit amet,

consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

03

Aliquam Venen

Lorem ipsum dolor sit amet,

consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

04

Aliquam Venen

Lorem ipsum dolor sit amet,

consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue element

No Compromise, Just Maximize.

Because It’s Time To Seek Financial Advice From Experts

100%

Aliquam Venen

243M

Aliquam Venen

340+

Aliquam Venen

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Duis imperdiet nisi ac augue elementum porttitor. Etiam vel facilisis nibh. Pellentesque lorem dui, sodales quis eros eu, pharetra auctor felis. Sed ac vehicula eros, ut euismod lacus. Phasellus gravida leo at nunc elementum posuere.

Hear What Our Clients Say

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur

George Owens

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque nisi nunc, tincidunt non nibh non, ullamcorper facilisis lectus. Sed accumsan metus viverra turpis faucibus, id elementum tellus suscipit. Duis ac dolor nec odio

Max Tanner

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque nisi nunc, tincidunt non nibh non, ullamcorper facilisis lectus. Sed accumsan metus viverra turpis faucibus, id elementum tellus suscipit. Duis ac dolor nec odio

Kim Wexler

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque nisi nunc, tincidunt non nibh non, ullamcorper facilisis lectus. Sed accumsan metus viverra turpis faucibus, id elementum tellus suscipit. Duis ac dolor nec odio

Billy Jackson

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque nisi nunc, tincidunt non nibh non, ullamcorper facilisis lectus. Sed accumsan metus viverra turpis faucibus, id elementum tellus suscipit. Duis ac dolor nec odio

¿Listo para empezar a hablar italiano con confianza y facilidad? ¡Genial! Déjanos ayudarte.

Completa el siguiente formulario y un miembro de nuestro equipo se pondrá en contacto contigo lo antes posible.